21 Maggio – Alexander Pope

21 Maggio - Alexander Pope

Alexander Pope, nato a Londra il 21 Maggio 1688,uno dei maggiori poeti del suo tempo.

La poesia della socialità

Alexander Pope racconta, tramite poesia la vita sociale e ne racconta pregi ma soprattutto difetti con stile satirico ed ironico.

Alexander Pope è talmente noto che, assieme a Tennyson e Shakespeare, rappresentauno dei poeti britannici più citati e ricordati.

Fu un vero maestro nell’utilizzo del distico eroico ( forma tradizionale della poesia inglese, comunemente usato per la poesia epica e la poesia narrativa, e si riferisce ai poemi costruiti con sequenze di coppie di linee in pentametro giambico. La rima è sempre una rima maschile.) Perfezionista e sostenitore dell’ eccellenza fu guidato dal fuoco della poesia.

 

Le parole son come le foglie; e dove più abbondano,

raramente sotto si trovano molti frutti del senso.

 

Tra le sue opere più conosciute:

  • Pastorals ( che si contraddistingue per la dolcezza lirica)
  • The Rape of the Lock ( esempio di grazia )
  •  Iliade ( caratterizzata dalla maestosità)
  • Eloise to Abelard ( esempio di eloquenza) 
  •  Imitations of Horace ( con un tono più disinvolto)

 

Alexander Pope – Lettera di Eloisa ad Abelardo

 

E chiara scender nuvoletta, e ’l coro
A te vegghiar degli Angioli d’intorno,
E sfavillar giù dagli aperti cieli
La gloria, e con desir, che il mio pareggi
Incontro a te stender le braccia i Santi!
Nostre misere salme indi una sola
Cara tomba racchiuda: e d’Eloisa
L’amor s’innesti all’immortal tuo nome.
E se alla tarda etade, allor che tutti
Fien cessati i miei mali, e del ribelle
Cor gli affannosi palpiti, due fidi
Esuli amanti alle solinghe mura
Del Paracleto ed all’argentee fonti
La sorte guidi, sovra i bianchi marmi
Con bassa fronte, e di scambievol pianto
Molli, diranno per pietà: «Deh mai,
Come il lor arse, nostro cor non arda!»
E se, allor che l’Osanna alto rimbomba,
E del tremendo sacrifizio ferve
L’augusta pompa, avvenga un dì che al sasso,
Del nostro fral custode, alcun si volga
Occhio pietoso, un tenero pensiero
Involerà Devozïone al Cielo,
E una stilla di pianto avrà perdono.

 

 

„L’autentica sapienza risiede principalmente nel sapere insegnare agli altri avendo l’aria di non insegnare affatto, proponendo anche le cose che gli altri non sanno come se le avessero soltanto dimenticate, proponendole dunque nel linguaggio che sanno, trasparente e piano.“

Fonti: Treccani, wikipedia, le citazioni, wikisource

Lascia un commento