Rubrica del venerdì
Storie brevi

L’estate del mio primo bacio – Diario di Stella

Il racconto breve di questa settimana vi permetterà di conoscere la protagonista del mio prossimo romanzo , Stella .

L’estate del mio primo bacio

Rimini, 2 Agosto 2006

Caro Diario,

questa sera è successa una cosa straordinaria!

Ero in piazza, vicino al delfinario e mangiavo un gelato con Giulia, quando è arrivata di corsa Diana. Si hai capito bene! La ragazza più carina e più ricercata della scuola! Credevo che non sapesse nemmeno della mia esistenza e invece …

Non ci crederai mai, ci ha invitate alla sua festa di compleanno! Il prossimo Sabato varcherò per la prima volta nella mia vita la porta di una discoteca!

Me lo sentivo che questa sarebbe stata un’estate speciale! Ma ci pensi? Anche nei libri la maggior parte delle cose belle avvengono durante il periodo estivo!

Luglio è passato come al solito, spiaggia, mare, caldo e lavoro ma questo è un evento unico che renderà top tutta la stagione!

Ora però devo salutarti, devo scappare allo stabilimento balneare ad aiutare i miei, uffa!

Stella

 

Rimini, 3 Agosto 2006

Caro Diario,

oggi io e Giulia abbiamo studiato un piano per poter partecipare alla festa. Ma ti pare che i nostri genitori ci permetterebbero di stare in giro tutta la notte?

Ho detto ai miei che avrei dormito a casa di Giulia e lei ha detto ai suoi che dormirà da me. Sono agitata, non ho mai detto bugie prima e mi sento un po’ in colpa perché mamma e papà hanno piena fiducia in me. Non mi sembra corretto quello che stiamo facendo ma è l’unico modo per andare. A volte mi trattano come una bambina ma ormai sono grande, ho ben quindici anni, e sono in grado di capire cosa sia giusto e cosa no!

Il problema è che non ho nulla di adatto! Non posso andare alla festa con i soliti Jeans ma non ho nessun vestitino, per fortuna so già a chi chiederne uno in prestito!

Stella

 

Rimini, 4 Agosto 2006

Caro Diario,

mancano poche ore, sto facendo il conto alla rovescia. Domani appuntamento alle 18:00 a casa di Giulia, poi centro commerciale dove potremo cambiarci e truccarci un po’, o dovrei dire, mi farò truccare perché sai che non sono capace. Non sto più nella pelle! Che emozione! Scusa amico mio ma domani non potrò scrivere, prometto che domenica però ti racconterò tutto!

Stella

 

………..

Rimini, 6 Agosto 2006

Carissimo Diario,

eccomi di nuovo qui, come promesso. Pensavo di scrivere fiumi di parole ricche di entusiasmo e di felicità in questa pagina bianca e invece… ho una gran confusione in testa.

Ora ti racconto!

L’inizio è stato a dir poco elettrizzante, anzi fantastico!

Come da accordi, io e Giulia ci siamo trovate e lei non solo mi ha prestato un fantastico abitino bianco con inserti blu ma mi ha anche pettinata e truccata. Avresti dovuto vedermi! Non sembravo nemmeno io! Anche lei era bellissima, ma questa non è una novità.

Avevo il cuore che batteva forte forte e le gote in fiamme quando abbiamo raggiunto l’ingresso della discoteca. Che fantastica sensazione! Mi sentivo così grande! La musica era altissima ma, stranamente, non mi infastidiva. Non avevo voglia di ballare davanti a tutti, così mi sono seduta su un divanetto ad osservare. Avrei passato tutta la sera così, guardarmi intorno in tutto quel movimento e quel trambusto mi piaceva un sacco!

Dopo un po’ ho avvertito un movimento alla mia sinistra e sono stata letteralmente travolta da un buonissimo profumo. Mi sono voltata e sorpresa! Non ci crederai mai! Accanto a me si è seduto il ragazzo più bello che io abbia mai incontrato! Alto, biondo, con occhi azzurri, dentatura perfetta e labbra rosee. Si chiama Peter, ha vent’anni ed è qui in vacanza con i suoi amici! Un figo da paura!

Si è presentato e abbiamo parlato per un po’ in inglese perché lui è danese e non conosce l’italiano.

Ho passato con lui tutta la sera!

Mi sono completamente dimenticata della festa, della festeggiata, e, anche se mi vergogno ad ammetterlo, di Giulia.

Mi ha offerto un cocktail dal dolce sapore fruttato ma anche un retrogusto un po’ amarognolo, non so esattamente cosa contenesse ma, dopo averlo bevuto, ho iniziato a sentirmi leggera e spensierata.

Ho salutato velocemente gli amici e mi sono lasciata guidare dal mio cavaliere verso la spiaggia. Raggiunta una panchina sul belvedere lui mi ha abbracciato e con movimenti incredibilmente lenti e piacevoli si è avvicinato ed ha appoggiato le sue labbra morbide sulle mie; con una strana disinvoltura, visto che per me era la prima volta, sono stata io a cercare di più premendo le mani sulla sua nuca.

Il bacio è diventato sempre più intenso e appassionato.

Che emozione! Avevo i brividi lungo la schiena e avvertivo un formicolio sul labbro inferiore. Il cervello non connetteva più. Avrei voluto rimanere tra le sue braccia per ore e probabilmente l’ho anche fatto.

Il problema è che non ricordo nulla!

Questa mattina mi sono svegliata alle prime luci dell’alba, sdraiata sulla sabbia abbracciata a Peter, con una forte emicrania e senso di nausea. L’ho svegliato, lui mi ha sorriso, poi mi ha preso per mano e siamo andati in un bar a fare colazione.

E’ stato dolce e gentile, voleva riaccompagnarmi a casa ma i miei pensavano che fossi da Giulia quindi ho preferito mandarle un messaggio e rientrare con lei come da accordi.

Il mio principe mi ha dedicato un lungo e dolcissimo bacio, prima di andarsene promettendomi un nuovo incontro questa sera ore 20:00 all’ingresso del bagno numero 15.

Oggi ho passato la giornata a sognare ad occhi aperti in attesa del nostro nuovo incontro.

Oh mio caro diario! Non ci crederai mai ma non si è presentato! L’ho aspettato per ore ma non si è visto! Gli sarà successo qualcosa di brutto o si è semplicemente preso gioco di me?

Non so cosa pensare! Ora mando un messaggio a Giulia, forse saprà darmi un consiglio.

Tua Stella ( triste e confusa)

Total Page Visits: 739 - Today Page Visits: 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *