Ignavia

ignavia

Oggi vi parlerò di un termine poco utilizzato ma che avete già sentito in ambito letterario.

Ebbene sì, un certo Dante Alighieri, considerato uno dei padri della lingua italiana, nel suo peregrinare nell’antinferno giunse anche nel girone degli “ignavi”

Per la precisione, il grande poeta li descrive nel Canto III dell’Inferno, dal verso 22 al 69.

Da cui i noti versi:

Fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa

 

Gli ignavi vengono descritti come povere anime vaganti e infelici, costrette a correre nude e a subire punture continue  di vespe e mosconi per l’eternità seguendo senza sosta una bandiera.

Il terreno fangoso pieno di vermi striscianti che si nutrono delle loro lacrime e del loro sangue, non gli permette di muoversi agilmente e rappresenta un’ulteriore costrizione.

 Il paradiso non può accoglierli e l’inferno li rifiuta. Questo stato di eterno supplizio li rende così disperati da desiderare i gironi infernali anziché questo stato di eterna rincorsa e sofferenza.

Gli ignavi attraversano l’esistenza come ombre, senza fare nulla né di buono, né di cattivo. Hanno paura di agire, di esprimere liberamente le proprie idee, tendono a seguire la maggioranza per non avere fastidi, vili e pusillanimi, non vivono pur camminando su questa terra.

 

Per meglio comprendere chi siano gli Ignavi partiamo dalla definizione e dall’etimologia del termine “Ignavia”

 

ignavia
/i·gnà·via/
sostantivo femminile
  1. Pigrizia, indolenza spirituale, viltà eletta a norma di vita.
Inerzia permanete del corpo e dello spirito
Dal lat. ignavia, der. di ignavus ‘ignavo’

L’ignavia è la mancanza di volontà che paralizza in una condizione di confort apparente,  la neutralità e la diplomazia che in realtà nascondono profonda pigrizia. L’ignavia è una profonda inerzia consapevole convinta di essere  saggia e conveniente. Si tratta dell’incapacità o della mancata volontà di prendere posizione, di assumersi la responsabilità di una decisione.

 

Lascia un commento