Jhon Grisham
Citazioni ed Aforismi

Jhon Grisham

Tantissimi auguri a Jhon Grisham re dei legal thriller, nato l’ 8 Febbraio 1955

Dopo avergli dedicato la prima recensione del blog , oggi vorremmo raccontarvi in breve la vita di Jhon Grisham

John Ray Grisham Jr. nasce in Arkansas.

All’età di quattro anni si trasferisce  a Southaven, nel Mississippi, e sogna di diventare un giocatore di Baseball.

Da giovanissimo svolge molti mestieri e mansioni, commesso, operaio, giardiniere … ma nel frattempo pensa al college.

Nel 1977 , dopo la laurea, decide di proseguire gli studi ed intraprendere la carriera legale ed in seguito deciderà di seguire anche la strada della politica, ricoprendo numerosi incarichi.

La sua prima opera “Il momento di uccidere” viene pubblicata nel 1987 dopo non poche difficoltà con gli editori per la pubblicazione.

Il suo secondo romanzo invece “Il socio” riscuote un enorme successo e ne fu realizzato anche un film con autori celebri ( come  Tom Cruise e Gene Hackman )

Procede poi con la realizzazione e la pubblicazione di numerosi altri best seller tra cui i più noti sono “Il rapporto Pelikan” ( celebre il film tratto dal libro interpretato da Julia Roberts) , “Il cliente” ( a livello cinematografico è la volta di Susan Sarandon) , “L’uomo della pioggia”  (interpretato da Matt Demon), “L’ultimo giurato” , “Il ricatto”

Tra il 2010 e il 2012 si dedica anche alla stesura di libri per ragazzi con i racconti dedicati a Theodore Boone

Nel 2012 pubblica “I segreti di Grey Mountain” di cui potete leggere la nostra recensione

 

Di seguito un piccolo estratto da “Il caso Fitzgerald”

Ed riceveva lettere come quella ogni settimana, tutte più o meno uguali, spedite da sedicenti appassionati ed esperti di Fitzgerald, e solo qualche volta da veri studiosi. L’anno precedente aveva autorizzato centonovanta richieste di accesso alla biblioteca. Gli studiosi provenivano da tutto il mondo e si presentavano lì emozionati e intimiditi come pellegrini davanti a un reliquiario….

Poco tempo prima, un vero studioso gli aveva detto che al momento esistevano almeno un centinaio di libri e oltre diecimila articoli accademici dedicati a Fitzgerald come uomo e scrittore, alle sue opere e alla moglie folle.
E Fitzgerald era morto alcolizzato a quarantaquattro anni! Chissà come sarebbe andata se fosse invecchiato e avesse continuato a scrivere. Ed avrebbe avuto bisogno di un assistente, anche di due, magari di un’intera squadra. Ma sapeva anche che spesso una morte prematura era la chiave del successo postumo, per non parlare dei diritti d’autore….

“Uffa” pensò Ed. Il giorno dopo inviò lo stesso messaggio alla posta privata del professore. Nel giro di un’ora, Manchin ringraziò con calore, aggiungendo che era impaziente di visitare il dipartimento, eccetera eccetera. Rispose in tono entusiastico di aver consultato il sito della biblioteca e passato molto tempo a leggere gli archivi digitali su Fitzgerald, specificando che possedeva da anni i molti volumi che contenevano un facsimile delle prime bozze scritte a mano dal grande scrittore, e aveva un particolare interesse per le recensioni del primo romanzo, Di qua dal paradiso.

 

 

 

400total visits,3visits today

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *