Joseph De Maistre
Citazioni ed Aforismi

Joseph De Maistre

La spunto di oggi ci viene fornito da un celebre filosofo Francese che non condivise i principi della rivoluzione

 Joseph De Maistre in breve

 

Nato il 1 Aprile 1753 , figlio primogenito in una numerosa e da nobile famiglia, dopo di lui nacquero quattro fratelli e cinque sorelle. 

La sua educazione fu affidata ad un precettore ma la madre ed il nonno materno esercitarono una notevole influenza sugli studi di Joseph.

Svolse numerosi ruoli di prestigio presso la corte sabauda . Dimostrò una particolare sensibilità verso la religione. 

Da giovane aderì in un primo momento alla loggia di rito inglese dei Trois Mortiers, poi a quella di rito scozzese della Sincérité, di cui divenne uno dei capi. Credeva nella necessità di creare un unica Chiesa.

Nel 1786 si sposò con  Françoise-Marguerite de Morand de Saint-Sulpice da cui ebbe tre figli Adèle (1787), Rodolphe (1789) e Constance (1793). Il temperamento paziente, dolce ed affettuoso della moglie compensava la personalità impulsiva, critica e talvolta collerica di Joseph De Maistre.

Inizialmente sembrò dimostrare una tiepida approvazione verso la rivoluzione ma in seguito, forse influenzato dalle teorie di Burke, ne divenne uno sprezzante critico.

In seguito definì più volte “una punizione divina” il periodo del terrore immediatamente successivo alla rivoluzione .

 

Si rifugiò in Svizzera per un certo periodo per poi tornare a Torino ed essere poi trasferito in Sardegna per poi trasferirsi presso la corte russa ma le sue teorie sull’assolutismo pontificio e il suo palese dissenso verso  il pensiero liberale gli valsero le antipatie di Alessandro I, più vicino alle idee occidentali di progresso e di libertà.

Nel settembre 1804 il conte di Provenza inviò a San Pietroburgo , quest’ultimo grazie ai preziosi consigli di Nel settembre 1804 il conte di Provenza inviò a San Pietroburgo come suo agente il conte P.-L. Blacas d’Aulps ,quest’ultimo grazie ai suggerimenti di De Maistre poté entrare in contatto con il pretendente al trono francese e fungere mediatore nelle difficili relazioni tra i sovrani di Francia e Russia.

Trascorse infine gli ultimi anni della sua vita a Torino.

Le sue opere più importanti sono dei manifesti del suo pensiero, il modo per esporre proposte e visioni differenti della realtà politica e sociale dell’ epoca.

  • Considérations sur la France scritto in Svizzera e pubblicato nel 1796 esprime il punto di vista di De Maistre sulla rivoluzione criticandone le modalità e le idee di base oltre a sottolineare un progetto di restaurazione
  • In Réflexions sur le protestantisme dans son rapport avec la souveraineté il suo spirito critico si concentra invece sul protestantesimo
  • Les  Soirées de Saint-Pétersbourg e Du Pope furono invece composti in Russia e sono delle dichiarazioni di dissenso ed una presa di distanza dall’illuminismo dell’ epoca
  • Lettre sur l’état du Christianisme en Europe (1819) è il manifesto della sua teoria di unificazione della Chiesa

Nelle sue opere la Storia è spesso contrapposta all’ illuminismo dilagante e lo spirito Romantico prevale sulla modernità e l’esigenza di innovazione.

L’unica forza capace di restaurare l’ equilibrio e la giustizia dopo lo scompiglio creato dalla rivoluzione è la legittimità.

Critici letterari, parlando delle opere di De Maistre dissero:

“Il lettore trova così irricevibili molte delle idee espresse, ma non può sottrarsi al fascino del modo con cui sono esposte.”

 

 

Total Page Visits: 657 - Today Page Visits: 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *