La punteggiatura – I due punti :

La Punteggiatura

Ripassiamo insieme i simboli relativi alla punteggiatura , partendo dai due punti

Come si scrive e quando dovrebbe essere usato il segno :

 

Il simbolo grafico corrispondente al segno d’interpunzione dei due punti (:) è composto da  due puntini posti esattamente uno sopra l’altro.

Dal punto di vista del tipo di pausa,  possiamo considerare questo segno allo stesso modo di come identifichiamo il punto e virgola: si tratta infatti di una pausa intermedia tra il punto e la virgola, quindi non troppo breve e neanche troppo netta e definitiva.

Mentre il punto e virgola delimita un concetto appena espresso, a cui continua a far riferimento il periodo che lo segue e che terminerà con un punto, i due punti indicano che ciò che li segue verrà ulteriormente specificato, nell’immediato.

I due punti hanno la funzione di spiegare, chiarire, dimostrare quello che è stato affermato nelle frasi precedenti.

Si trovano dunque a introdurre:

– una dimostrazione, la conseguenza logica di un fatto, l’effetto di una causa
– una frase con funzione di apposizione della precedente
– una battuta di discorso diretto
– un elenco di vario genere

Se l’elenco è formato dal soggetto o dal complemento oggetto della frase, i due punti non si devono usare

A scuola si studiano italiano, matematica e musica (e non A scuola si studiano: italiano, matematica e musica)

I due punti sono invece necessari quando gli stessi elenchi sono usati in funzione di apposizione

 

Usare i due punti più di una volta nello stesso periodo sintattico è un errore da evitarsi in tutti i tipi di scrittura non creativa.

 

Per mettervi alla prova vi suggeriamo il seguente link di

Esercizi

 

Seguiteci su www.ourfreetime.it

 

Lascia un commento