La vita Ostile
Libri - segnalazioni e Cover reveal,  Passione scrittura,  psicologia

“La Vita Ostile” Raffaele Mutalipassi

Una vita, un viaggio

Un romanzo autobiografico intenso e suggestivo

 

 

Dice un poeta arabo: “la felicità non è una meta da raggiungere, ma una casa in cui tornare; non è davanti ma dietro; tornare non andare.”

Dettagli prodotto

·  Copertina flessibile: 205 pagine

·  Editore: Independently published (24 marzo 2020)

·  Lingua: Italiano

·  ISBN-13: 979-8626541441

 

LINK ACQUISTO

LINK ESTRATTO LIBRO

Profilo facebook autore

https://raffaelemutalipassi.com/

 

 

SINOSSI

La storia di una vita vissuta senza un attimo di tregua dalla metà del secolo scorso fino ai giorni nostri. Le vicissitudini del protagonista che da un piccolissimo paese del Cilento giunge a Roma con la propria famiglia nel pieno del boom economico degli anni Sessanta e che da lì parte per una grande avventura che lo porterà a lavorare come ingegnere in molti paesi in via di sviluppo.

Sulla soglia dei settanta anni, Raffaele ci porta con sé in un lungo viaggio a ritroso attraverso la rigorosa cronaca della propria esistenza. L’infanzia, i sogni di gioventù, la spensieratezza e il disagio giovanile, la disillusione, la disperazione, la paura, il coraggio dell’incoscienza, la libertà, la fuga continua, la solitudine, il distacco della vecchiaia e, infine, l’immenso dolore per la perdita del fratello minore. L’amore struggente per l’Italia e l’odio viscerale per gli italiani.

Un viaggio che rappresenta lo specchio di una generazione unica che a poco a poco sta scomparendo. La prima generazione cresciuta con la televisione che è stata artefice della più grande rivoluzione giovanile della storia dell’umanità con tutti gli stravolgimenti politici, culturali e sociali che ne sono conseguiti e che è stata poi protagonista della globalizzazione e dell’era digitale. E che infine è stata messa alla prova dalla più grande minaccia collettiva che il destino potesse riservarci in quanto la più esposta e la più colpita al tempo della prima pandemia globale della storia. Un momento, questo, che non ha eguali nella storia dell’umanità.

 

Per rendere meglio l’idea riportiamo degli stralci di una recensione molto interessante:

 

RECENSIONE

Una vita, un viaggio. E quella dell’autore è proprio il viaggio di una biografia dettagliata fra gioie e dolori, un excursus fra periodi politici davvero differenti tra loro, stravolgimenti culturali e cambiamenti sociali. L’autore ha saputo raccontarsi e aprirsi al cuore dei lettori facendosi divorare dalla disperata sofferenza, con cui rivive tutta la sua vita fino al presente. E alcune volte raccontarsi in un libro trasforma l’autore in testimonianza umana, a volte diventa anche terapeutico per lo scrittore stesso e per chi lo legge, perché l’anima dei lettori può rassomigliarsi al bello e al brutto della vita altrui. Sì, una vita che può essere un denominatore comune e divenire profondo insegnamento per l’umanità stessa. Una copertina partorita da un disegno di Valeria, la figlia dell’autore, colorata e vivace con due occhi grandi come il mondo e il sole e la luna che fanno comprendere quanto nella vita la luce non possa esistere senza il buio e viceversa.

E poi cosa mi ha colpito veramente oltre a tutto è l’aforisma che lo scrittore inserisce nel titolo. La frase è di un poeta arabo: “la felicità non è una meta da raggiungere, ma una casa in cui tornare; non è davanti ma dietro; tornare non andare.” È molto profondo perché dal titolo La vita ostile l’autore estrapola la filosofia di sfatare il mito della cosiddetta felicità vissuta come obiettivo da raggiungere, perché la felicità, a volte se non sempre, è il luogo dove far ritorno. Spesso è ciò che abbiamo già, ma che non vediamo forse per troppa superficialità. Un passato dove tornare, e non come di solito si crede, un futuro da raggiungere.

Ma andiamo a vedere come si danno il cambio nei capitoli le tante sfere temporali diverse. Una storia che ripercorre gli ultimi 70 anni. Dall’alluvione del 1954 a Salerno; l’infanzia degli anni Cinquanta con l’avvento della televisione in Italia; l’adolescenza travagliata dello scrittore all’inizio degli anni Sessanta nelle periferie romane, così come descritte da Pasolini e durante la quale in terza media fu espulso dalla scuola. Successivamente mentre scoppiava la rivoluzione giovanile del 1968 Raffaele studiava da privatista per prendere la licenza media e due anni dopo nel 1970, sempre da privatista, consegue il diploma di geometra. Poi il periodo del terrorismo degli anni Settanta durante il quale studiando e lavorando conseguì la laurea in ingegneria. Dopodiché, le sue missioni di lavoro degli anni Ottanta nei paesi dell’Africa nera più profonda ed il lavoro in America Latina degli anni Novanta. Fino ad arrivare agli anni Duemila, durante i quali è stato consulente in nome e per conto dell’UE in molti progetti di ingegneria idraulica.

E la vita di Mutalipassi sarà sempre mossa dalla passione per il calcio, perché a scandire il racconto vi sono i campionati mondiali di calcio dal 1958 al 2018 ricordando gli alti e bassi conseguiti dalla nazionale italiana.

 

E lo scrittore racconta sé stesso e l’amore per una generazione unica, quella del suo periodo, quella dei suoi anni. La particolarità di una generazione che non si ripeterà mai più. Una generazione, che attraverso il suo vortice di rivoluzioni che hanno portato a stravolgimenti e cambiamenti politici, culturali e sociali, è giunta all’era della globalizzazione e della digitalizzazione. Un’era, sì, avanzata, ma che alla fine ci ha portato ad una realtà nociva e veramente letale per la nostra salute. Ed ecco che l’autore giunge fino ai giorni nostri, quelli del Coronavirus, dicendo che quest’era moderna ha creato una generazione fatta di paura, a causa di questo insormontabile flagello.

 

E poi il racconto autobiografico non può che propendere verso il cuore dello scrittore, un cuore di padre. L’amore per la figlia ventenne vissuta da sempre lontano dal paese natio del padre, ovvero l’Italia. E questo permetterà alla giovane ragazza di riflettere sui racconti di vita del genitore, su cosa l’Italia dona e toglie. E questo libro è proprio un monito per i giovani di oggi, come lei, che devono intraprendere e affrontare la propria vita, sapendo le cose del mondo e imparando da quelle del passato per costruire un presente e un futuro migliori.

Ma a risolvere infine l’analisi introspettiva di Mutalipassi sono i sentimenti: è l’amore, l’unica ricetta per allineare e far viaggiare su binari paralleli l’età anagrafica e gli anni dell’anima.

 

L’AUTORE

Raffaele Mutalipassi nasce a Perdifumo in provincia di Salerno nel 1951. Subito dopo la sua famiglia si sposta a Salerno. Nel 1954 si ritrova a Valmontone (RM) da dove, nel 1962, si trasferisce a Roma. Qui trascorre un’adolescenza travagliata. Dopo aver abbandonato la scuola dell’obbligo, solo a diciotto anni consegue la licenza media. A venti si diploma geometra da privatista. A venticinque lavora come operaio in una filatura di Prato. Nel 1979 si laurea ingegnere.

Nel 1981 effettua la sua prima missione di lavoro in Somalia. Dopodiché accumula quasi quaranta anni di esperienza nella gestione, coordinazione e valutazione di programmi e progetti di cooperazione internazionale finanziati soprattutto dall’Unione Europea. Dal 2018 è pensionato residente in Bolivia, paese dove è nata la sua unica figlia.

 

 

Total Page Visits: 86 - Today Page Visits: 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *