Mimì Cocò e Bubù

Le avventure … 14° puntata

GianBartolomeo sembra agitato, ascolta ciò che l’interlocutore gli sta dicendo ma non parla per cinque minuti abbondanti, dopo di che balbetta confuso

< Ehh, si, sono qui con le ragazze! Si non preoccuparti, è tutto pronto per domani. Si a che ora arrivano in aeroporto?>

Nel frattempo picchietta con due dita sulla spalla di Colette ed inizia a gesticolare in modo scoordinato.

Mimì, non si sa come, comprende ciò di cui ha bisogno e gli porge carta e penna.

L’uomo le afferra con foga, senza ringraziare, si appoggia al tavolino per prendere appunti

< Mando qualcuno a prenderli in aeroporto alle 9:00, ma tu non ci sarai? >

nel frattempo inserisce il vivavoce e nel locale si ode la voce di Romualdo che tuona

< No, te lo avevo detto che mia moglie mi obbliga ad andare in vacanza. Chi la sente quella se non l’accontento! Fate voi e se avete bisogno chiamatemi>

Il Pusilli appare sempre più agitato, con il labbro inferiore sporgente e tremolante fissa le nuove arrivate con aria supplichevole.

< Ehm, sai … >

poi si interrompe

< Veramente, io non mi ricordavo ma … >

Inizia a far girare la penna tra le dita, si avvicina al distributore e si versa un bicchiere d’acqua, mentre il suo socio inizia a perdere la pazienza

< COSA non ti ricordavi? > chiede adirato.

< Bhe , io … avrei un impegno domani mattina e non potrò essere in negozio!>

le sue gote sono ormai paonazze e gli sguardi sgomenti delle tre fanciulle non fanno che aumentare la sua agitazione

< Ma, stai tranquillo, le ragazze sapranno come gestire la situazione >

Bruna non riesce a trattenersi ed un lamento, una sorta di rantolo gutturale le esce dalle labbra

< COSA? >

Il Parlotroppo interviene nuovamente,

< Non ho capito. Cosa avete detto? >

ma GianBartolomeo prontamente cerca di rimediare

< Non abbiamo detto nulla, sarà un’interferenza! >

Colette, con tono campo ed educato, cercando di nascondere l’agitazione chiede

< Scusate ma non credo che noi tre saremmo in grado di gestire la situazione. Siamo appena arrivate e non vorrei fare danni. Non sarebbe meglio spostare l’appuntamento? >

< Assolutamente no! >

si ode dal microfono e , prima di agganciare, il socio anziano ordina

< Gian, chiama subito PierPiero, se ne occuperà lui!>

GianBartolomeo appoggia il bicchiere ormai semivuoto sul mobiletto, con la mano aperta si picchietta la fronte, sogghigna e si dirige verso la porta per raggiungere il suo ufficio.

Bruna però interrompe la sua fuga

< Mi scusi, ma potrebbe dirci la password?>

L’uomo si ferma un attimo, pensieroso, dondola un po’ sulle suole ricurve prima di rispondere, e riprende il cammino senza rispondere. Mentre abbassa la maniglia però viene folgorato da un’illuminazione

< Mi pare che sia “Carpa di Dio” o qualcosa di simile. Leonica era fissate con il latino, diceva che voleva dire raccogli il momento o qualcosa di simile. Era strana quella ragazza. I pesci si pescano non si raccolgono!>

Detto ciò si allontana.

Milena si dirige verso il PC sogghignando e digita “ C A R P E   D I E M” , poi esulta < Ok trovata!>

NB:

Questo racconto è un’opera di fantasia.
Personaggi , eventi e luoghi citati sono invenzioni dell’autore e hanno lo scopo di conferire veridicità alla narrazione.
Qualsiasi analogia con fatti, luoghi e persone,è assolutamente casuale

Puntata precedente

Puntata successiva

554total visits,1visits today

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *