Mimì Cocò e Bubù

Le avventure … 3° puntata

 

Il pugno deciso urta sulla porta

“ Toc Toc “

Una voce maschile risponde dall’ interno <Avanti! > e la giovane si appresta ad incontrare il titolare.

Si sofferma un attimo ad osservarlo, si tratta di un uomo di circa cinquant’anni, bassino ma magro, chioma corta e ben curata e occhi chiari.

Indossa dei pantaloni kaki in cotone e una maglia blu che a primo impatto sembra un po’ troppo accollata, no forse guardando con più attenzione è indossata al contrario e la scollatura a V spicca sulla schiena anziché sul torace!

GianBartolomeo l’accoglie con un sorriso, in piedi, accanto alla scrivania, di fronte ad una grande finestra da cui entrano tiepidi raggi di sole.

La osserva ondeggiando leggermente avanti e indietro, come un giocatore di subbuteo, anche grazie alle scarpe sportive con la suola arrotondata.

Allunga un braccio per stringerle la mano

< Buongiorno signorina, lieto di conoscerla!>

< Piacere, Milena Neri> e ricambia la stretta di mano.

< Prego, si accomodi pure Mirella!>

< Veramente, Milena > puntualizza lei

< Oh mi scusi, io sono GianBartolomeo .>

Così dicendo si volta per andare a sedersi sulla poltroncina nera dietro la sua scrivania, mostrando la schiena, con la scollatura a V della maglietta in bella mostra, alla sua interlocutrice che assume un’espressione divertita e appoggia una mano affusolata sulle labbra per non scoppiare a ridere.

< Dunque dicevamo, signorina Mori, cosa l’ha incuriosita del nostro annuncio?>

Lei non osando correggerlo nuovamente si limita a fare un sospiro di esasperazione poi, con un sorriso risponde:

< Come potrà vedere dal mio curriculum, sono abituata ad avere a che fare con le persone perché attualmente lavoro con mio padre che gestisce un ristorante, ma vorrei provare a svolgere un’attività scollegata dalla famiglia, per potermi mettere realmente alla prova e per fare nuove esperienze>

< Mhmh , bene , direi che è un’ottima motivazione e ….. mi dica lei conosceva già la nostra libreria?>

< Si certo, di nome. La vostra è un’attività storica nella nostra cittadina > prova ad improvvisare lei, con un concetto un pò vago per nascondere la sua ignoranza in materia.

< Bene, e da quando sarebbe disponibile per una prova qui da noi?

Immagino abbia conosciuto Leonica, presto andrà in pensione e noi avremmo bisogno di qualcuno che la possa sostituire, ma per ora vorremmo fare solo una prova. >

Lei lo guarda con decisione e conferma la sua disponibilità per una prova sin dal lunedì successivo, poi lui si congeda velocemente.

< Perfetto allora si presenti lunedì mattina alla 8:30, puntuale e inizieremo la settimana di prova. Ora mi scusi Mirella ma devo lasciarla perché devo incontrare altre due persone.>

Si volta verso la tastiera ed inizia a digitare ignorandola mentre lei, titubante si avvia verso la porta per andarsene non prima di aver sussurrato un

< Arrivederci !>.

 

 

NB:

Questo racconto è un’opera di fantasia.
Personaggi , eventi e luoghi citati sono invenzioni dell’autore e hanno lo scopo di conferire veridicità alla narrazione.
Qualsiasi analogia con fatti, luoghi e persone,è assolutamente casuale

 

Torna alla puntata precedente

Vai alla puntata successiva

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *