Leonardo Da Vinci
Citazioni ed Aforismi

Leonardo Da Vinci

Oggi vi proponiamo un piccolo estratto del pensiero di Leonardo Da Vinci, noto pittore, scultore, inventore nato il 15 Aprile 1452

Leonardo ha svolto la sua attività a cavallo tra il ‘400 e il ‘500, e in molti sostengono che con la sua genialità e la voglia di scoprire e sperimentare abbia dato un notevole contributo alle modifiche artistiche intercorse tra i due secoli.

Leonardo nacque a Vinci, nei pressi di Firenze e qui passò la sua infanzia nella residenza paterna.

Nel 1469 si trasferì a Firenze dove entrò come apprendista nella bottega del Verrocchio, per ammirare le prime opere da pittore indipendente dovremo però aspettare il 1472.

Nel 1482 venne inviato da Lorenzo de’ Medici a Milano, alla corte degli Sforza, dove rimase per più di vent’anni dimostrando le sue innate capacità in più ambiti , in qualità di ingegnere civile e militare, architetto, scultore e pittore.

Durante la sua permanenza milanese, Leonardo da Vinci trovò un ambiente fertile per i suoi numerosi interessi scientifici legati alla fisica e alle scienze naturali, qui si dedicò in particolar modo di studi anatomici e del volo degli uccelli.

  • Nel 1483 approntò i disegni preparatori per il monumento equestre in bronzo a Francesco Sforza.
  • Nel 1493 Leonardo da Vinci terminò il modello in creta a grandezza naturale del gran cavallo per il monumento Sforza la cui fusione in bronzo non fu mai realizzata.
  • Nel 1499, con l’entrata in Milano dell’esercito di Luigi XII e la fine della dinastia Sforza, Leonardo fu costretto a lasciare la città stabilendosi prima a Mantova, dove eseguì il ritratto di Isabella d’Este, poi a Venezia.
  • Nel 1501 tornò a Firenze e lavorò come architetto ed ingegnere  al servizio di Cesare Borgia.
  • Nel 1503 iniziò a dipingere la Gioconda e nello stesso anno a lui e a Michelangelo fu commissionata la decorazione del salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio. Si dedicò allo studio di sistemi di chiuse e di canali navigabili ed elaborò un progetto per deviare l’Arno e isolare la città Pisa (storicamente rivale di Firenze).
  • Nel 1506 tornò a Milano, chiamato dal governatore Carlo d’Amboise che lo incaricò di predisporre i festeggiamenti per l’ingresso di Luigi XII nel 1507; in tale occasione fu nominato peintre ordinaire et ingénieur del re di Francia.
  • Nel 1513 si recò a Roma sotto la protezione di Giuliano de’ Medici; qui poté approfondire i propri studi scientifici e collaborare al prosciugamento delle Paludi Pontine, ma non riuscì a ottenere nessuno dei grandi incarichi affidati invece a Michelangelo e a Raffaello.
  • Verso la fine del 1516, accogliendo un invito di Francesco I, Leonardo da Vinci lasciò Roma per la Francia e si stabilì al castello di Cloux, presso Amboise. Ormai la sua febbrile attività e il suo continuo peregrinare volgevano al termine. Documento della sua ultima creatività artistica sono i disegni della Fine del mondo, nei quali Leonardo da Vinci espresse la sua convinzione, tratta da una vita dedicata all’indagine della natura, sull’esistenza di un’armonia universale sicuramente presente anche nell’apparente caos della fine del mondo.
  • Il 23 aprile 1519 dettò il testamento e alcuni giorni dopo morì.

Tra le sue opere più famose ricordiamo:

La Gioconda, L’ultima cena e il Battesimo di Cristo

 

Fonte: Sapere 

103total visits,1visits today

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *