I termini che non conoscevo
I termini che non conoscevo

Prosopopea

La parola di oggi è “prosopopea”

prosopopea  [pro-ṣo-po-pè-a] Sostantivo femminile

 

1 RET Figura retorica che consiste nel personificare cose inanimate o astratte

2 fig. Boria, gravità affettata, presunzione: parlare con p.

( Fonte https://dizionari.repubblica.it/Italiano/P/prosopopea.html )

 

Jurij Andrèevic dentro di sè era d’accordo […] ma lo indisponeva la sicurezza piena di prosopopea con cui l’antipatico giovanotto snocciolava le sue profezie

Boris Pasternak in Il Dottor Zivago

 

Significato e utilizzo del termine “prosopopea”

Dal greco: propsopopoieo personificare, composto da prósopon faccia, persona e poieo fare, significa cioè la possibilità di presentarsi in un dialogo o in una situazione a qualcuno di lontano o non più in vita o ad oggetti e animali .

La più celebre prosopopea nella letteratura antica la troviamo nel Critone di Platone, dove le Leggi parlano a Socrate spiegando che esse vanno rispettate anche quando si ritengono ingiuste.

Un altro notissimo esempio lo troviamo nella “Divina Commedia” dove Dante viene accompagnato per buona parte del suo percorso da Virgilio deceduto ormai da secoli e dove ha modo di parlare con molti defunti, angeli e creature fantasiose.

E’una figura retorica  molto utilizzata in ambito poetico ( basti pensare a quante volte volte abbiamo letto espressioni come “il vento ulula” “il mare urla”) e seppur più raramente in ambito prosaico. E’ necessario prestare particolare attenzione nell’utilizzo di questo strumento per non incorrere nel rischio di dare tono troppo solenni o di far diventare il testo eccessivamente pesante, con un che di superiorità e di sussiego.

Per questo motivo con il termine prosopopea si tende ad indicare un atteggiamento presuntuoso, esagerato ed eccessivamente ricco di retorica.

Il parlare prosopopeico è inteso come la forma espressiva di chi ritiene di essere al di sopra dei suoi interlocutori.

ATTENZIONE: Pare che il suono di questa parola piaccia molto agli Italiani , tanto da utilizzarla spesso per darsi un contegno, per arricchire il discorso ma non sempre viene utilizzata nell’accezione corretta.

 

Total Page Visits: 1180 - Today Page Visits: 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *