Black Jack
recensioni

Recensione “Black Jack” di Pietro Dell’Acqua

Nella sezione dedicata alle recensioni continuiamo a proporvi spunti su autori emergenti.

Questa settima è la volta di Black Jack” di Pietro Dell’Acqua

 

La mia opinione …

Un racconto disilluso, triste , cupo dalle tinte vagamente freudiane.

Molti cadaveri, un agente di polizia che lavora in solitudine, oppresso dalla mediocrità , senza stimoli, privo di capacità particolari.

Il racconto è un susseguirsi di scene del crimine , descritte a volte in modo anche troppo crudo ma tralasciando molti dettagli ed indizi. Il Detective non vede l’ ora di terminare la giornata lavorativa e non sembra particolarmente colpito dalla serie di crimini incredibilmente commessi e scoperti nello stesso giorno.

In un’atmosfera surreale in parte ispirata alla realtà ( lo fa presupporre l’utilizzo di molti nomi che richiamano la vita reale, dal nome della città ai riferimenti sulle vittime) . Un mondo futuristico pieno di contraddizioni e paradossi basti pensare che pare che in questo futuro si ritorni all’utilizzo delle cabine telefoniche!

Ho avuto molte difficoltà nel seguire la narrazione , sembrava un’accozzaglia di appunti e riflessioni posti a caso. Numerosi refusi e riferimenti incongruenti, si parla di USA ma le logiche descritte sono tipicamente italiane . Ho trovato la vicenda confusa e non mi sono stati dati sufficienti elementi per riflettere, ragionare, approfondire, provare a svelare il mistero.

Temo di dover dire che non lo consiglierei.

Total Page Visits: 872 - Today Page Visits: 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *