Recensione – “Chiamami Melly” di Alessandra Fortunato

Chiamami Melly

Come ogni giovedì vi proponiamo la recensione di Lella

Ho da poco concluso la lettura di  Chiamami Melly” di Alessandra Fortunato , un romanzo pubblicato un paio di mesi fa.

LA MIA OPINIONE
La lettura è veloce e scorrevole, la narrazione chiara e la trama ben definita. I personaggi sono delineati in  modo chiaro e si alternano momenti di ilarità, mistero e romanticismo. La protagonista, Melly, è una giovane donna che decide di lasciare la sua terra per inseguire la sua autonomia.  E’ un personaggio positivo, che lotta contro le difficoltà e i fantasmi del passato con il sorriso sulle labbra, qualche timore  e la determinazione tipica delle persone forti. I personaggi di sesso maschile stuzzicano la curiosità delle lettrici. La storia è narrata in modo pulito, semplice, dove i sentimenti e le emozioni vengono sfiorati, accennati senza eccessi.
Pur avendo apprezzato questo testo ho riscontrato qualche piccola pecca. Il racconto parte lentamente mentre negli ultimi capitoli sembra che cambi marcia, probabilmente sarebbe meglio riproporzionare i tempi ( è una critica costruttiva che hanno fatto anche al mio romanzo e rileggendolo ho concordato con chi mi ha segnalato questo dettaglio).
Nella storia vengono citati anche dei “traumi” ma non sono stati approfonditi, l’argomento sembra perciò in sospeso. Infine non ho amato particolarmente l’Epilogo che mi è parso troppo distante dal resto del testo.
In sintesi si tratta comunque di un buon lavoro.
CONSIGLIATO: Per una lettura estiva, fresca , positiva. Per chi cerca una bella storia ma ha anche voglia di sorridere.
SCONSIGLIATO: A chi analizza ogni parola e virgola. A chi vuole una storia ricca di dettagli, anche a livello di intimità.
”E un giorno ti svegli, ma non vuoi aprire gli occhi, perché il profumo che ti circonda è tra i più buoni che tu abbia mai annusato. È un odore che vorresti avere con te per il resto della vita, ogni mattina e ogni sera, ogni sera e ogni mattina. E se a esso si aggiungono due braccia forti che ti stringono, come se tu fossi un bene prezioso da custodire gelosamente, allora non esiste nessun risveglio migliore di questo”…
Lella Dellea

Lascia un commento