Recensione “I racconti incantati” di Gloria Donati

I racconti incantati

Oggi parliamo di un libro diverso dal solito, una serie di racconti

Un viaggio nel mondo della fantasia, tra re , animali parlanti, figure magiche e bambini.  “I racconti incantati” di Gloria Donati è tutto questo e non solo!

 

Sinossi

Un viaggio nel regno meraviglioso e fantastico di Feirivord dove le creature del sogno vivono la loro storia in un mondo incantato che ha sempre qualcosa da insegnare a tutti noi.
Un mondo magico è quello dove a volte ognuno di noi vorrebbe rifugiarsi. Un luogo senza tempo, dove a narrare le vicende è la voce della fantasia. Così basta lasciarsi trasportare dalle parole di questo libro per entrare in un mondo popolato di piccole fate colorate, folletti dai buffi cappelli appuntiti, elfi , alberi centenari parlanti, unicorni, ma anche streghe malefi che e crudeli. Vaghere- mo in luoghi fantastici, tra le terre del Sud e Ovesfalda, nel regno meraviglioso di Feirivord, dove il tempo scorre in modo diverso che sulla nostra Terra, oppure ci perderemo nella bellezza di boschi, castelli e vallate, dove le paure a volte corrono sul filo di antiche leggende. Dietro a ogni storia si celano insegnamenti e ogni racconto è un’occasione per riflettere sulla vita. “Ogni cosa è importante a suo modo piccola o grande, bella o brutta che sia, nel ciclo della vita ha un ruolo preciso e importante, non bisogna essere degli eroi per mostrare coraggio o essere importanti, basta essere se stessi…” e ognuno è speciale per quello che è…

La mia opinione

In primo luogo, complimenti per la fantasia. I racconti sono vari da tutti i punti di vista, ambientazioni, personaggi, epoche e messaggi. La suddivisione in piccole storie autoconclusive ne facilita la lettura.
Ogni racconto ha una morale, un messaggio interessante e spesso profondo espresso o sottinteso. La lunghezza delle storie è a mio avviso corretta anche se in alcuni casi si poteva osare un po’ di più.
Purtroppo lo stile non mi ha coinvolto.  La scrittura è abbastanza fluida e, slavo alcuni errori riscontrati, è piuttosto scorrevole ma, a mio avviso, è troppo schematica per i bambini che amano particolari magici, dettagli colorati, particolari evocativi. Se lo scopo era invece raggiungere gli adulti la modalità espressiva è troppo semplice e sintetica, in alcuni casi poteva essere una sinossi o una quarta di copertina di una narrazione ben più complessa.
Il mio racconto preferito è stato   : “L’agnello e la farfalla”

CONSIGLIATO: Ad adulti che amano usare la fantasia, che hanno la capacità di leggere tra le righe e di viaggiare con la mente

SCONSIGLIATO : A chi cerca le classiche fiabe per bambini o cerca una storie a sfondo psicologico ed introspettivo

 

A quel punto caro amico, mi sono messo in cammino per tornare verso casa,
ma alle tre ero ancora in viaggio per andare al luogo in cui avrei incontrato mia madre
comunque il tempo era bello ed era piacevole camminare, ma ad un certo punto
tutto divenne nero e dal cielo cominciarono ad apparire squarci gialli e a sentirsi tuoni
assordanti, ebbi paura e quindi comincia a correre, ma la terra bagnata cedette sotto i miei
piedi e venni trascinato via dall’acqua gridai, ma nessuno poteva sentirmi alla fine
una mano grande mi tirò su,
da quel momento non ricordo nulla, so solo che mi risvegliai in una piccola baita,
quella disabitata vicino al ponte e che poco dopo arrivò mia madre tutta preoccupata.

218total visits,1visits today

Una risposta a “Recensione “I racconti incantati” di Gloria Donati”

  1. […] Continua a leggere →Recensione “I racconti incantati” di Gloria Donati […]

Lascia un commento