Italo Svevo
Citazioni ed Aforismi

Italo Svevo

Oggi ricordiamo Italo Svevo, autore Borghese appassionato di psicoanalisi e maestro della scrittura introspettiva, nato il 19 Dicembre 1861

Brevi Note su Italo Svevo

Italo Svevo è lo pseudonimo di Aron Hector Schmitz.

Nato  il 19 Dicembre 1861, a Trieste,  centro pulsante dell’impero austroungarico da genitori borghesi ,studiò in Germania, in Baviera, e segue poi a Trieste una formazione prettamente tecnica.

Studia i grandi della letteratura italiana in biblioteca, nelle ore libere dal suo lavoro .

Si convertì al cattolicesimo in età adulta e a trentacinque anni per sposò la cugina Livia Veneziani, di famiglia molto ricca e molto più giovane di lui.Dopo il matrimonio  Svevo lavorò in qualità di dirigente  per il suocero,proprietario un’azienda di vernici sottomarine.

Pur non avendo una formazione prettamente umanistica , si dedica con impegno e passione alla scrittura e , come Franz Kafka, su un autore anomalo e ruppe gli schemi , intraprendendo un percorso complesso e vittima di insicurezze e dubbi

In seguito diventerà normale per uno scrittore svolgere diverse professioni.

Italo Svevo e le prime esperienze letterarie 

Nonostante l’impegno e l’amore per la letteratura le prime esperienze di Italo Svevo non furono particolarmente gratificanti , gli articoli di critica letteraria e teatrale da lui scritti per “L’Indipendente” ed il suo primo romanzo  [amazon_textlink asin=’885418179X’ text='”Una Vita”‘ template=’ProductLink’ store=’ourfreetime-21′ marketplace=’IT’ link_id=’3dfa1eb7-0380-11e9-9f49-69b1faff71e3′] ed il secondo [amazon_textlink asin=’8867580981′ text='”Senilità”‘ template=’ProductLink’ store=’ourfreetime-21′ marketplace=’IT’ link_id=’6b2e156c-0380-11e9-8ada-e1f8b444ce75′] non riscossero particolare successo .

In entrambe le opere Svevo racconta fatti verosimili, descrive le difficoltà , le amarezze, i dubbi , il senso di inadeguatezza. Nel primo racconta la storia di un impiegato che a causa della sua inettitudine non riesce a raggiungere gli obiettivi che si prefigge , nel secondo si parla di un’avventura extraconiugale non particolarmente gratificante.

Dopo questi insuccessi Italo Svevo decise di prendersi una “pausa” e non pubblicò nulla per molto tempo.

Eppure lo stile di Italo Svevo, strutturato così attentamente per il timore di incorrere in inflessioni eccessivamente triestine o tedesche, è apprezzato niente di meno che da James Joyce, con cui il nostro autore stringe una sincera amicizia.

Italo Svevo e “La coscienza di Zeno”

Nel 1923 pubblica [amazon_textlink asin=’8807900491′ text='”La coscienza di Zeno”‘ template=’ProductLink’ store=’ourfreetime-21′ marketplace=’IT’ link_id=’e968cfe1-0383-11e9-b64a-33878069fcf8′], il libro che tuttora i lettori associano al suo nome . Un romanzo ricco di influenze Freudiane , dimostrazione di modernità ed apertura mentale . Questa sua opera dà finalmente all’ ormai sessantenne Italo Svevo la meritata notorietà.

Italo Svevo e la psicoanalisi

Italo Svevo si accosta alla psicoanalisi, in un primo momento a seguito di una vicenda personale,  il cognato era andato a farsi curare a Vienna da Freud stesso , poi per un incontro fortuito con un allievo del grande psicoanalista.

Pur apprezzando molto le teorie freudiane sull’interpretazione del sé, ne rifiuta le possibilità terapeutiche, utilizzandole dunque nei suoi romanzi principalmente come dottrina della conoscenza.

Non è un caso che il suo protagonista, Zeno Cosini, rifiuti la pratica terapeutica, nonostante la utilizzi per raccontarsi nei suoi diari.

I protagonisti dei romanzi di Svevo assomigliano molto al loro autore: borghesi tristi, insoddisfatti della propria realtà.

Le sue difficoltà con la lingua italiana, la ricerca quasi maniacale della perfezione ne limitarono però l’espressione.

 

Lo scrittore Mauro Covacich formulò un’interessante ipotesi in merito:

“chissà quali verità, quali ulteriori movimenti dell’animo umano, avrebbe potuto rivelarci Svevo, se avesse potuto pubblicare in triestino invece che in italiano”

 

Total Page Visits: 872 - Today Page Visits: 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *