I termini che non conoscevo
I termini che non conoscevo

Tanatofobia

Il termine di oggi è ” Tanatofobia “, sapete di cosa si tratta?

Se la risposta è no, proviamo a scoprirlo insieme

Definizione

tanatofobia
/ta·na·to·fo·bì·a/
sostantivo femminile
  1. Paura morbosa della morte.

Approfondiamo un po’ …

Nel momento in cui la paura della morte di una persona cara finisce col prendere il sopravvento, al punto tale da ostacolare la persona e lo svolgimento delle sue normali attività di vita quotidiana, è possibile parlare di una vera e propria tanatofobia in grado di suscitare elevati stati di ansia fino ad arrivare a vere e proprie crisi di panico.

Nel tentativo di ridurre il problema, spesso si peggiora la situazione perché si tende a non accettare e quindi non affrontare adeguatamente la paura.

Spesso la tanatofobia porta ad atteggiamenti eccessivi, totalitari e invalidanti nei confronti di chi ci è caro.

Prendiamo come esempio la madre che, in maniera esagerata, preoccupata che possa accadere qualcosa di “brutto” al proprio figlio adolescente, imponga al figlio stesso dei divieti eccessivi. Sappiamo bene che più una cosa viene vietata, più forte diventa il desiderio di trasgredire; a maggior ragione, in età adolescenziale dove la voglia di “superare i limiti”, è notevolmente amplificata. Può accadere, pertanto, che in virtù degli eccessivi paletti imposti al giovane, quest’ultimo, spinto dal desiderio di trasgredire, si trovi esposto in misura maggiore a situazioni a rischio, finendo, dunque, col “realizzare” senza volerlo, la “profezia catastrofica” prevista dalla madre.

 

 

Qualche consiglio pratico:

Accettare l’idea. La morte esiste e questo non si può cambiare. Cambia quello che fate fino a quel momento.

  • Credere fermamente in qualcosa. Indipendentemente che sia vero o meno, la fede ha spesso un grande potere nel mutare i sentimenti.
  • Puntare l’attenzione su altro. Non permettete alla vostra coscienza di dedicarsi a questa paura o a questo pensiero.

Se questo pensiero comincia a generare in voi un grande malessere, i pensieri si fanno sempre più ricorrenti e la paura condiziona la vostra vita, allora è il caso di consultare uno specialista.

 

Concludo con una frase di Jim Morrison , scomparso il 3 Luglio 1971

 

“C’è il sacro terrore della morte, ma la morte è un fatto naturale, credo che la morte sia un’amica dell’uomo, perché mette fine a quel grande dolore che è la vita.”

 

Fonte: Milanopsicologia, frasicelebri.it,

257total visits,3visits today

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *