VINCENZO CARDARELLI – Settembre a Venezia

Nei prossimi giorni farò una capatina Lido di Jesolo per un evento legato alla pubblicazione di “Con l’Africa nel cuore ” grazie ad Aletheia editore.

Mi sono quindi ricordata di questa poesia letta tempo fa e per l’angolo della poesia mi fa piacere riproporvela

VINCENZO CARDARELLI – Settembre a Venezia

Già di settembre imbrunano
a Venezia i crepuscoli precoci
e di gramaglie vestono le pietre.
Dardeggia il sole l’ultimo suo raggio
sugli ori dei mosaici ed accende
fuochi di paglia, effimera bellezza.
E cheta, dietro le Procuratìe,
sorge intanto la luna.
Luci festive ed argentate ridono,
van discorrendo trepide e lontane
nell’aria fredda e bruna.
Io le guardo ammaliato.
Forse più tardi mi ricorderò
di queste grandi sere
che son leste a venire,
e più belle, più vive le lor luci,
che ora un po’ mi disperano
(sempre da me così fuori e distanti!)
torneranno a brillare
nella mia fantasia.
E sarà vera e calma
felicità la mia.

 

Per approfondire:

198total visits,3visits today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *