Recensione “Il bacio della maschera bianca” di Guido Mura

Il bacio della dama bianca (1)

Magia e mistero…

Una raccolta di racconti dal respiro antico e magico, profusi di quel verseggiare ormai perduto, tra vocaboli riesumati dalla tomba e iniezioni di un nuovo verismo.

L’opinione di Lella

Il testo è composto da più racconti accomunati dal senso di mistero, oscurità e dubbio. Le storie sono molto diverse tra loro per ambientazione, protagonisti e trama senza un’apparente connessione. l racconto che ho preferito è stato l’ultimo “Il bugnone” dove gli elementi storici e realistici si intrecciano con il dubbio e il mistero. Lo stile è adeguato al tipo di narrazione anche se, a mio avviso, nel racconto principale, talvolta l’autore si esprime in  modo troppo prolisso. In tutti gli episodi. Interessanti i riferimenti geografici e la cura per i dettagli. Non sono un’appassionata del genere tuttavia i personaggi, ben delineati e descritti in modo impeccabile mi hanno in più punti conquistata. Una lettura interessante.
SCONSIGLIATO: A chi cerca chiarezza e linearità, a chi vuole indagare sugli eventi e giungere ad una conclusione logica
CONSIGLIATO: A chi desidera farsi trascinare dalle emozioni, a chi non ha paura dei dubbi e di presenze occulte

Confronto con l’autore

Dopo aver sottoposto la mia recensione all’autore ho gradito ricevere da parte sua alcune osservazioni e puntualizzazioni. Sono convinta che il confronto costruttivo sia alla base dell’apprendimento e della crescita quindi vi riporto alcuni degli spunti da lui forniti.
Guido ha sottolineato delle analogie con “Giro di vite di Henry James”
con la sua indeterminazione e la sua apparente illogicità, è credo il massimo capolavoro di questo tipo di narrazione fantastica.
La prolissità è ugualmente una caratteristica di ogni racconto di questo genere.
Suggerisce poi, per gli amanti del genere, la lettura di  “Malombra di Fogazzaro” definendolo un testo eccezionale.
La letteratura, soprattutto quella che fa riferimento alla tradizione ottocentesca, deve osservare criteri diversi.
Concordo infine sulla sua ultima affermazione
Tra uno dei miei primi e più tradizionali racconti come “Il bacio della maschera bianca” e l’ultimo, “Il bugnone”, sono trascorsi vari anni e per uno scrittore questo significa crescere in esperienza e, qualche volta, migliorare le sue abilità scrittorie.
Vi invito quindi alla lettura e, come sempre a condividere la vostra opinione.

Non esitate a contattarmi, lasciando un commento direttamente qui sul sito o sui nostri canali social:

 

Instagram:ourfreetimeblog

Facebook: Ourfreetime

Oppure scrivi a: ourfreetimeblog@gmail.com

Lella
Total Page Visits: 342 - Today Page Visits: 1

Lascia un commento