Recensione "Ricordi Felici"

Recensione “Ricordi felici” di Giuseppina Amato

Tre racconti, tre donne e tre storie di vita

La mia opinione su questa raccolta di racconti al femminile, intensa, immediata e suggestiva

 

Questa settimana vi propongo le mie impressioni su “Ricordi felici e altri racconti ” di Giuseppina Amato

Avevo finalmente capito che il principe azzurro non deve essere per
forza biondo con gli occhi azzurri come quello delle favole. E non è
nemmeno una regola che debba essere più grande.
Se te ne innamori non vedi altro che lui: che sia alto, basso, goffo,
calvo, magro, grasso, atletico e chi più ne ha più ne metta, alla fine tutto
questo non ha importanza.
Per te sarà sempre bello e luminoso come il sole.
Lui è il tuo principe azzurro ed è solo questo che conta.

La mia opinione

La narrazione è suddivisa in tre racconti di media lunghezza. Tre storie differenti con protagonisti e ambientazioni scollegati tra loro ma collegati da una sorta di malinconica dolcezza, amore per la vita e sana curiosità verso chi ci circonda.
Del primo racconto “Ricordi felici”, da cui il tutolo del libro, ho apprezzato la capacità dell’autrice di descrivere il contesto e le caratteristiche psicologiche della protagonista, oltre a quel velo di mistero che non guasta. Sono rimasta colpita dalla semplicità e dalla forza di questa giovane donna, che riesce ad esprimersi anche grazie all’amore per la musica e alla capacità di mettere nero su bianco le sue emozioni. Personalmente non amo l’inserimento di strofe di canzoni nella narrazione e nel caso specifico avrei inserito la traduzione accanto al testo, non alla fine del capitolo ma è un’opinione da semplice lettrice, non certo da esperta.
La seconda storia “Il coinquilino” è la mia preferita. Un racconto semplice e realistico, un possibile spaccato di vita di una giovane studentessa universitaria e la scoperta dei sentimenti veri, senza la necessità di preconcetti o modelli precostruiti.
Infine “C’erano una volta … i bambini” , un racconto dolce amaro, struggente , tenero, affettuoso. Non condivido alcuni concetti espressi alla fine, almeno non del tutto, credo che sia giusto guardare avanti e non fermarsi alla nostalgia del passato.
In tutti i racconti lo stile è fluido, la narrazione chiara, scorrevole e coinvolgente. Il ritmo è volutamente piuttosto lento e questo rende le storie più accattivanti e coinvolgenti.
CONSIGLIATO: A chi cerca storie fresche ma che facciano riflettere, raggi di sole tra le nuvole. A chi preferisce storie brevi a lunghi romanzi
SCONSIGLIATO: A chi cerca narrazioni complesse e sofisticate, a chi ama le storie classiche con personaggi maturi e posati

Per saperne di più

Total Page Visits: 531 - Today Page Visits: 1

Lascia un commento