Platone – La visione delle cose belle porta alla bellezza

E come un soffio di vento o un’eco,

rimbalzando da superfici levigate e solide,

viene rinviata al punto di emissione,

così il flusso della bellezza,

arrivando nuovamente al bell’amato attraverso gli occhi,

che sono la via naturale per arrivare all’anima,

come vi è giunto e l’ha eccitata al volo,

irrora i condotti delle ali,

stimola il formarsi delle ali e colma d’amore l’anima,

a sua volta, dell’amato.

(Platone, Fedro, 255c-d)