Recensione The First Boy la serie

Recensione ” The First Boy ” la serie di Cristiano Pedrini

Con grande piacere vi racconto oggi le mie impressioni su una trilogia scritta da un autore dotato di una rara sensibilità e da un amico ormai storico di OurFreeTime.

The first Boy la serie

The First Boy attraverso il metodo CEA

Ho avuto modo di leggere, nel corso degli anni i tre libri che compongono questa dolcissima serie. Prima di raccontarvi le mie impressioni seguendo il metodo CEA (Curiosità, Emozione e Autodisciplina) permettetemi di dire che questi romanzi sono, a mio avviso, l’espressione stessa dell’amore per la scrittura dell’autore, ma anche della sua apertura mentale, della generosità e dell’ottimismo.

E ora, basta sviolinate e partiamo!

The first Boy The first Boy

Curiosità

Le domande che ci si pone leggendo questa storia sono molte e hanno caratteristiche diverse. Nel primo volume The First Boy ( di cui potete leggere anche la mia precedente recensione), viene spontaneo chiederci se Christopher Lowen sarà in grado di sostenere le conseguenze delle sue azioni, se fuggirà a gambe levate davanti ad una realtà affascinante e terrificante al tempo stesso o se il forte sentimento che prova nei confronti di Lawrence Layton, il presidente USA, prevarranno.

In “Il cigno nero” assistiamo ad un cambio totale di scena, ambientazione e tematiche. Il clima diventa quasi surreale e questo stacco netto valorizza ancor più i limiti e le risorse del nostro Christopher.

Nell’ultimo capito “L’eterna promessa” si ritorna “a casa” ma la campagna elettorale per la rielezione di Lawrence crea un clima di tensioni e difficoltà di difficile gestione. Riusciranno i nostri beniamini a trovare un equilibrio o il loro legame non reggerà?

Emozione

Di emozioni ne abbiamo da vendere! Potremmo elencare l’intera gamma:

Gioia che traspare dalla naturalezza e la spontaneità di Christopher e che si respira nell’aria nei momenti di privacy della coppia.

Tristezza nella consapevolezza di non riuscire a farsi vedere per ciò che si è realmente, per le numerose ingiustizie del Mondo.

Disgusto per l’atteggiamento e l’alterigia di alcuni personaggi e per la mancanza di empatia dimostrata da altri. Potrei aggiungere anche la sensazione provata da Lawrence nei confronti dell’amata pizza di Christopher

Paura in alcuni momenti di tensione estrema e davanti a situazioni apparentemente incontrollabili. Anche in questo caso il povero presidente deve fare i conti non solo con la spontaneità ma anche con le scelte poco sicure del suo compagno.

Rabbia quando nonostante gli sforzi e le buone intensioni ci si accorge di non poter risolvere tutti i problemi esistenti

Sorpresa, bhe in questo caso lo possiamo dire, con Christopher i colpi di scena sono all’ordine del giorno

Autodisciplina

Trattandosi di ben tre libri ovviamente il tempo dedicato alla lettura è stato notevole: Circa 28 ore ( anche se ben spese).

Riflessioni, appunti, stesura e impaginazione dell’articolo hanno richiesto altre 3 ore circa.

The First Boy L'eterna promessa

Consigli di lettura per The First Boy la serie

Sconsigliato: a chi cerca l’estrema veridicità nei testi ( si tratta di un’opera di fantasia, una chiave di lettura e non di una ricostruzione precisa di luoghi ed eventi realmente accaduti). A chi non ama gli M/M.

Consigliato: A chi cerca una storia fresca, mai noiosa e costellata da tanto amore, umanità e spontaneità.

Ringraziamo l’autore Cristiano Pedrini per il materiale fornito

Total Page Visits: 875 - Today Page Visits: 2
Articolo creato 728

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto