I miei libri

Colette e Bruna, alias Cocò e Bubù vi attendono in libreria!

La scorsa settimana vi ho presentato Milena, la brunetta tutta pepe.

Oggi parliamo delle altre due protagoniste del nostro racconto ironico: Cocò e Bubù, diminutivi rispettivamente di Colette e Bruna. Si tratat di sue giovani che si recano presso la PP library per un colloquio di lavoro e, successivamente, per una settimana di prova in compagnia di Milena. Mimì, Cocò e Bubù sono molto diverse tra loro ma instaurano una sincera amicizia in pochissimo tempo.

 

Cocò e Bubù attraverso le parole del libro

Colette è una centaura dalla chioma dorata e l’aria angelica

Il rombo di un motore si avvicina sempre di più e quasi sobbalza sul posto per la sorpresa quando, con la coda dell’occhio, nota una moto sportiva gialla e nera sopraggiungere e fermarsi di fronte alla PP Library.

Stringendo gli occhi fino a farli diventare due strette fessure, a causa della miopia, osserva una ragazza, non molto alta, in abiti sportivi, scendere rapidamente dal mezzo, depositare ordinatamente il casco e avviarsi verso l’entrata del negozio.

Sembra carina, indossa scarpe comode dai colori tenui, Jeans chiari e un maglioncino leggero rosa con delle perline trasparenti, lunghi capelli biondi e lisci ricadono morbidamente sulle spalle.

 

Bruna invece una sognatrice con la testa tra le nuvole e la predisposizione alla goffaggine:

 

Mentre il bolide su due ruote si allontana rapidamente, sopraggiunge un autobus di linea, con il suo carico di individui distratti e tristi accalcati l’uno all’altro nel faticoso tentativo di raggiungere la meta.

Il pesante mezzo si arresta pigramente alla fermata emettendo un fastidioso stridio di freni, mentre la signora Rosetta si appresta a ritornare nel suo appartamento, dopo la lunga passeggiata mattutina.

Il grande bisonte arancio, come lo chiama lei, si allontana e alla fermata, l’anziana nota un’altra giovane donna.

Non molto alta e un po’ in carne, indossa una maxi-maglia turchese e dei leggings fantasia in varie tonalità di blu e azzurro, abbinati a delle ballerine bianche e a una borsa capiente semiaperta da cui spunta un libro.

Per qualche istante presta attenzione solo al monitor del suo smartphone, poi solleva lo sguardo incuriosito intorno a sé, mostrando degli occhiali dalla montatura particolare, in stile Lina Wertmuller.

«Fifì, vuoi vedere che anche questa fanciulla entra in libreria? Non so proprio cosa succeda stamattina, tutti in cerca di libri!» E sbuffando si dirige verso il portone.

La ragazza si avvia verso l’entrata del negozio ma, persa nei suoi pensieri, non nota il marciapiede e inciampa in modo maldestro.

 

Mimì, Cocò e Bubù tre donne, tre storie

Se avrai voglia di acquistare il testo e di leggerlo scoprirai che le tre ragazze non solo sono molto diverse a livello estetico ma presentano anche caratteristiche diametralmente opposte anche come famiglie, amici ed estrazione sociale.

Chi è la tua preferita? Ti identifichi in una delle tre, oppure credi di avere delle caratteristiche miste? Conosci qualcuno che ti ricorda una delle protagoniste?

Le tre giovani entreranno in contatto con diversi personaggi sui generis, alcuni rivestiranno un ruolo secondario, altri saranno poco più di un’apparizione, altri ancora vengono solo citati, ma ne parleremo la prossima settimana.

Attendo i tuoi commenti in merito!

 

Total Page Visits: 273 - Today Page Visits: 3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. L’autore del blog non è responsabile del contenuto dei commenti ai post, nè del contenuto dei siti linkati. Alcuni testi o immagini inseriti in questo blog sono tratti da internet e, pertanto, considerati di pubblico dominio; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarcelo. Saranno immediatamente rimossi.